OT – Fritti, spiati e contenti

[box border=”full”]OT (Off Topic) – Articoli fuori tema rispetto alla linea principale del blog, per stimolare la riflessione su tematiche ad ampio spettro.[/box]
wifiQuesto sito mappa tutte le antenne di telefonia presenti sul nostro territorio. E’ impressionante vedere quante sono e la portata che hanno. Se si cambia, in basso, da towers a coverage si può vedere l’intensità delle radiazioni emesse. I centri abitati sono letteralmente soffocati di radiazioni a microonde. Ma la cosa più inquietante è che le torri più grandi e possenti spesso non sono censite! Se ne conoscete qualcuna nella vostra zona controllate. Quelle, dunque, che torri sono?
Poi uno legge questa notizia sul Guardian, in cui si riporta che negli Stati Uniti la magistratura inizia ad imporre alle “autorità” di smetterla di spiare i cittadini tramite false torri di telefonia (fake cell phones towers) e comincia a farsi delle domande. Quindi non solo veniamo irraggiati quotidianamente da microonde che vanno a danneggiare il nostro sistema psico-fisico intaccando direttamente il DNA, ma siamo pure vittime contente del Grande Fratello (quello di Orwell, non quello degli scemi in tv). Ma mica possiamo rinunciare al nostro giocattolino preferito, vero? Sennò come facciamo a vedere l’ultimo filmatino divertente su youtube o la notifica chiccosa di facebook? Dopotutto, qualche tumore o qualche malattia neurodegenerativa val bene questi sfizi tecnologici e “smart”!

Di seguito un breve filmato (ma la documentazione in proposito è ormai poderosa) che toglie ogni dubbio riguardo alla questione elettrosmog. Chi ancora afferma “non si sa se fa male, non ci sono prove, forse sì forse no, servirebbero studi più approfonditi”, non la racconta giusta. Per gli amanti dei libri consiglio invece Onde anomale – Libro inchiesta sull’inquinamento elettromagnetico in Italia, di Alessio Ramaccioni e Pablo Castellani (Editori Internazionali Riuniti) e Toglietevelo dalla testa – Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono, di Riccardo Staglianò (Chiarelettere). Per la narrativa, invece, La città bianca di Francesca Romano Orlando (Edizioni Psicoonline) e il racconto per ragazzi Super Pino e i tecno-mostri  di me medesimo (Edizioni Pazzesche).


Print Friendly, PDF & Email
Precedente Leggere, raccontare, incontrarsi Successivo Non avrai altro di noi

Lascia un commento