I lettori di Matti allo Studio 38

Verrà inaugurata il 3 maggio alle ore 18 presso STUDIO 38 Contemporary Art Gallery la mostra “Readers” di Luca Matti, a cura di Angela Sanna. Verrà esposta una selezione di dipinti recenti, i cui soggetti sono personaggi ritratti nell’atto di leggere libri di autori che hanno segnato in qualche modo la sua formazione culturale. Con queste opere l’artista abbandona la prospettiva esterna delle città e oltrepassa le finestre dei palazzi a lungo rappresentati, per entrare in una dimensione più intima dell’animo umano, una dimensione già esplorata dagli scrittori da cui l’artista trae ispirazione e a cui queste opere sono dedicate. Nel testo di accompagnamento alla mostra, la curatrice Angela Sanna scrive: “Nulla, apparentemente, sembra più distante dalla realtà concepita dal nostro artista salvo che questa rappresenti una piccola milizia di lettori – Readers, appunto – sparpagliati e provvisti di armi caricate a salve le cui munizioni siano le pagine di un libro puntato contro l’alienazione e la solitudine. Poiché questo è Readers: una grande finestra aperta su metropoli oscure e insalubri nei cui tentacoli si celano individui isolati intenti alla lettura nell’intimità del loro abitacolo. Cronache fuligginose di un quotidiano insospettabile, dietro le quinte di una società massificata, le immagini di Luca Matti contrappongono all’anonimia della collettività urbana la possibilità di riscatto insita nella dimensione letteraria. Non sarà difficile ricondurre questa ricerca recente del pittore alla propria sensibilità, profonda ed empatica, e alla sua personale condizione di lettore assiduo. Frequentatore attento di racconti e narrazioni, egli annovera nel suo bagaglio culturale molte pagine incentrate sulla condizione umana e sul potere salvifico della letteratura e della lettura. Questi sono, infatti, per l’artista, gli antidoti – tanto antichi quanto attuali – più idonei a preservare l’individuo dalle aberrazioni della civiltà contemporanea, dagli eccessi della tecnologia all’incomunicabilità fino alla subdola strategia di controllo esercitata sulle nostre facoltà critiche e decisionali”.

Luca Matti (1964) vive e lavora a Firenze. Si occupa per lungo tempo di fumetto, illustrazione e grafica, collaborando con riviste e case editrici. Dal 1988 si dedica alla pittura e alla creazione di opere scultoree in camera d’aria. Il suo lavoro si concentra su tematiche legate al rapporto dell’uomo con la città, utilizzando esclusivamente due colori: il bianco e il nero. Nel suo lavoro non ci sono confini tra disegno, incisione, pittura, video animazione e scultura in camera d’aria. I vari linguaggi si condizionano e si contaminano tra loro, dando vita a un universo fatto di storie, suggestioni, sogni.[box size=”large” style=”rounded” border=”full” icon=”https://findicons.com/files/icons/990/vistaico_toolbar/128/help.png”]

Per sostenere il blog
fai una donazione con Paypal,
acquista un libro,
clicca sui banner pubblicitari
o condividi l’articolo.

[/box]

Print Friendly, PDF & Email
from to
Arte
Precedente Maffucci e Russo al Damaris Successivo Giornata Agatha Christie alla San Giorgio

Lascia un commento