Il quarto vuoto di Ferrari

Studio 38 Contemporary Art Gallery ospiterà la personale fotografica “Quarto vuoto” di Simone Ferrari, dal 18 novembre al 16 dicembre, dal martedì al sabato, orario 16.00 – 19.30 o su appuntamento.
In mostra saranno presentati dieci scatti che il fotografo ha realizzato durante un viaggio in Oman fra dicembre 2016 e gennaio 2017. Il progetto di Simone Ferrari prende il nome dal Rub al-Khali, o “quarto vuoto”, il secondo deserto più vasto del mondo, chiamato così perché ricopre un quarto dell’intera penisola arabica ricompreso nel territorio omanita ed in quello saudita. L’interesse di Ferrari si concentra principalmente sul colore e le divisioni tonali fra cielo e terra caratteristiche del deserto. L’elemento umano scompare dal campo di indagine per far parlare le suggestive architetture delle antiche fortezze tuttora presenti, in un percorso che si alterna fra le morbide e mutevoli linee del deserto e il rigore formale delle strutture murarie.

Print Friendly, PDF & Email
from to
Arte
Precedente Prima della rivoluzione - al Cral Successivo Lorenzo Del Pero dal vivo all'Ho Chi Minh

Lascia un commento