Open day

OPENDAY PIC8588-Edit_Masiar Pasquali[dropcap]L[/dropcap]a stagione al teatro Yves Montand di Monsummano si è chiusa sabato 5 aprile con uno scoppiettante spettacolo di sana comicità intelligente. Open Day, di Walter Fontana per la regia di Ruggero Cara, vede protagonisti due attori davvero padroni delle arti recitative come Angela Finocchiaro e Bruno Stori. La piece ruota intorno ad una coppia divorziata che si ritrova per un giorno insieme nell’occasione dell’iscrizione della figlia al liceo. In quelle poche ore passate insieme viene ripercorsa un’intera esistenza: dagli esilaranti ricordi degli imprinting genitoriali sulla personalità nevrotica di entrambi, alla rilettura ex post del fallimento di una relazione a causa di un tradimento e di una totale incompatibilità caratteriale. Il pubblico ride e non ha difficoltà a riconoscersi in tanti cliché della vita di coppia e nelle nevrosi di una personalità farfallona e perennemente con la testa fra le nuvole (lui) e una iper-metodica, programmatrice di ogni aspetto della vita, con influenze zen posticce (lei). Non c’è di bisogno di volgarità, di linguaggio scurrile e di bassi richiami al sesso per far esplodere la comicità. Qualche “cazzo” ogni tanto compare nel copione, ma è funzionale e mai eccessivo, così come il riferimento alla perduta “appetibilità sessuale” della coppia. Anni luce, insomma, dall’inutile trivialità di tanti comici televisivi. Su tutto domina la straordinaria mimica di Angela Finocchiaro che riesce, tra l’altro, ad alternare registri recitativi diversi fra loro con una facilità straordinaria. Bruno Stori, volto meno noto forse al grande pubblico, non è da meno e tiene la scena egregiamente non meno della sua compagna. Alla fine dello spettacolo i due attori, nonostante fossero visibilmente provati dalla prova, si sono gentilmente intrattenuti con alcuni spettatori a chiacchierare e firmare autografi, dicendosi molto soddisfatti di come il pubblico aveva risposto. Una disponibilità sempre gradita e mai scontata.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente L'angoscia del pane, di Anna Maria Dall'Olio Successivo S'concerto di quartiere 2014

Lascia un commento