L’iPhone di Amélie

Sabato 30 marzo alle ore 17.30, presso Lo Spazio di via dell’ospizio a Pistoia, Valeria Tonini presenta L’iPhone di Amélie (Pendragon, 2019, p. 172, euro 15,00). Dialoga con l’autrice Paola Bardelli.

Thomas Legrand, noto architetto francese e Amélie Leroy, prorettore appena eletto all’Università Sainte-Chapelle di Parigi, sono i protagonisti di un’intensa storia d’amore che li vede combattere fianco a fianco contro la potente lobby dei baroni universitari. L’oggetto del contendere è la costruzione di una nuova aula magna, simbolo di quel cambiamento che Amélie ha promesso ai suoi elettori. Nei violenti scontri che si susseguono, vengono messi a nudo gli occulti meccanismi del potere universitario, facendo emergere la mediocrità di un sistema che trova la propria sopravvivenza nella stanchezza di una società decadente. I fatti si succedono freneticamente nel corso di un’unica intensissima giornata, con continui colpi di scena che inducono Thomas ad una profonda riflessione su se stesso, sulle proprie cicatrici e sui propri rapporti più intimi. Un amore adolescenziale, violento, che esplode all’improvviso rimettendo tutto in discussione. Ma è vero amore? Può il malessere del vivere trovare risposta sul display di un iPhone? Un romanzo che è al contempo intimo e sociale. Sullo sfondo i bar e le strade di Parigi in versione incredibilmente romantica.

Valeria Tonini lavora come chirurgo presso la Chirurgia d’urgenza del Policlinico Universitario Sant’Orsola-Malpighi di Bologna. Ha eseguito oltre 7000 interventi chirurgici ed è autrice di oltre 200 pubblicazioni a carattere scientifico. Il romanzo L’Iphone di Amélie (Pendragon 2019) è il suo primo libro.[box size=”large” style=”rounded” border=”full” icon=”https://findicons.com/files/icons/990/vistaico_toolbar/128/help.png”]

Per sostenere il blog
fai una donazione con Paypal,
acquista un libro,
clicca sui banner pubblicitari
o condividi l’articolo.

[/box]

Print Friendly, PDF & Email
Libri
Precedente Sport, libro e media Successivo Lungara 29 - il caso Montesi

Lascia un commento