L’estate che ammazzarono Efisia Caddozzu

coverMercoledì 22 luglio alle 19.30 alla libreria indipendente Les Bouquinistes per il ciclo “Aperitivo con l’autore” Marisa Salabelle presenterà insieme alla professoressa Maria Elena Menici il suo romanzo d’esordio, L’estate che ammazzarono Efisia Caddozzu, Piemme.
Un giallo ma anche una biografia e un viaggio linguistico tra Cagliari e Pistoia. Un percorso lungo la vita di questa strana protagonista, della sua originale famiglia, dei suoi amici e dei suoi amanti e del suo contorto approccio con il mondo che la circonda.

Marisa Salabelle è nata a Cagliari e si è trasferita a Pistoia, dove vive tutt’ora, insieme alla sua famiglia quando lei aveva dieci anni. Sposata, con quattro figli, è insegnante di materie letterarie all’Istituto tecnico pistoiese.

La scheda del libro: Pistoia, 25 luglio: durante la festa di San Jacopo, patrono della città, due ragazzini in bicicletta trovano, vicino a un fosso, il cadavere di una donna barbaramente uccisa, priva di documenti, vestita e truccata come una prostituta, probabilmente extracomunitaria. Dopo affannose
indagini, portate avanti da carabinieri svogliati e un giovane cronista che sogna lo scoop, si scopre invece che il corpo è quello di Efisia Caddozzu, maestra elementare, che tutti credevano in vacanza, la cui scomparsa era stata segnalata solo dall’anziano padre, a cui nessuno aveva creduto. I sospetti sembrano portare sulle tracce della comunità albanese: Efisia faceva volontariato, conosceva il mondo degli immigrati e aveva preso sotto la sua protezione un ragazzo intemperante e violento.
Ma chi era davvero Efisia Caddozzu? Perché una semplice maestra viene abbandonata sul ciglio dei una strada con il cranio fracassato? Efisia era venuta dalla Sardegna agli inizia degli anni Sessanta: famiglia numerosa, carattere indomito, a tratti brusco e iracondo, aveva militato in Lotta Continua, aveva dedicato la sua vita all’insegnamento, al volontariato e aveva aiutato molti immigrati a inserirsi in città.

Print Friendly, PDF & Email
Libri
Precedente Serravalle Noir 2015 Successivo LetteraAppenninica

Lascia un commento