La porta del sole – al Garibaldi

Venerdì 19 maggio, presso il circolo Garibaldi, in Corso Gramsci a Pistoia, all’interno del ciclo I venerdì del cinema palestinese promosso dal Comitato Pistoiese per la Palestina, verrà organizzato un apericena italo-palestinese alle ore 19.30 (10 euro, ridotto 5 euro per studenti e disoccupati). Il ricavato andrà a sostegno delle attività dell’asilo palestinese di Beit Reema che garantisce istruzione e assistenza ai bambini palestinesi in una realtà in cui l’educazione primaria non è finanziata dallo stato e la disoccupazione ha raggiunto il 18.20%. Per info e prenotazioni 333 3552897 oppure visitare la Pagina Facebook.

A seguire (ore 21.00), la proiezione del film La porta del sole (2004, drammatico, durata 140 min.) regia di Yousry Nasrallah.


La Palestina e il suo mezzo secolo di storia tragica, di sofferenza, di speranza e d’amore. Storie di combattenti, di case incendiate, di marce estenuanti per fuggire scandiscono l’epopea dell’esodo forzato di un popolo condannato alla miseria e alla precarietà dei campi profughi. Un popolo in attesa con un futuro sospeso.
L’originalità de La porta del sole, adattamento per il cinema del romanzo dello scrittore libanese Elias Khoury, è quella di saper intrecciare sullo sfondo degli avvenimenti storici il destino e il percorso individuale di uomini e donne, i loro incontri, le loro aspirazioni e speranze, i loro amori e le loro memorie.
Come il romanzo a cui si ispira, l’opera cinematografica evita di seguire l’impostazione della retorica militante, trattando i palestinesi in quanto individui e non solo come causa.Si viene così a delineare un panorama complesso ed emozionante i cui protagonisti alternano la realtà alla memoria, la sofferenza all’amore, l’esaltazione dei miti alla difficile quotidianità.

[box size=”large” style=”rounded” border=”full” icon=”http://findicons.com/files/icons/2750/free_web_icon_pack_1/64/help.png”]

Per sostenere il blog acquista un libro
clicca sui banner pubblicitari
o condividi l’articolo

[/box]

Print Friendly, PDF & Email
cinema
Precedente I calzari della Vignali in enoteca Successivo Sala a regola d'arte

Lascia un commento