La colpa è del giardino

12741930_1011788998860248_4807752286509310003_nAnche quest’anno i volontari OIPA si sono impegnati per proporre uno spettacolo teatrale il cui ricavato andrà a supporto delle attività di tutela animali. Si tratta di La colpa è del giardino di Edward Albee, che andrà in scena giovedì 10 marzo alle 21.15 presso il teatro del circolo di Bottegone, Pistoia. L’ingresso è gratuito ma sulle poltrone troverete una busta anonima dove al termine della rappresentazione, se vi sarete divertiti, potrete lasciare un’offerta libera che sarà gradita e verrà utilizzata per aiutare tanti animali a far fronte alle numerosissime emergenze, anche in vista dell’approssimarsi della primavera/estate periodo in cui molti fra cani e gatti vengono purtroppo abbandonati.

Con lo spettacolo La colpa è del giardino, diamo uno sguardo dentro la casa di una coppia alto-borghese americana, a partire da una domenica mattina annoiata. Non è tutto oro ciò che luccica, verrebbe da dire, via via che conosciamo meglio Jenny, Dick ed i loro vicini di casa. Prendendo spunto da American Beauty, si attraversa il disagio dei nostri tempi, strizzando l’occhio alle signore inglesi di Arsenico e Vecchi Merletti. In un’epoca dove avere è necessario e dare è un’opzione spesso trascurata, è importante riflettere sull’importanza dei valori che ci rendono umani. I personaggi di Albee sono infantili, cinici, spesso crudeli: un specchio nel quale possiamo rifletterci, riconoscerci, e ripensarci. Amore, denaro, fame, delitto: sono forze che muovono i personaggi del testo, ma che smuovono profondamente anche noi. Restiamo umani, restiamo animali: guardando lo spettacolo vi chiederete se l’uomo sia così umano, in fondo, e se un animale avrebbe fatto altrettanto. La risata, amara, è garantita.


………………………………………………………………………………………………………….
Per sostenere il blog, clicca sui banner pubblicitari
………………………………………………………………………………………………………….

Print Friendly, PDF & Email
Teatro
Precedente Paura del buio? Mamma gatta e i suoi incantesimi Successivo Casa di bambola

Lascia un commento