Jam + Dentone & Ghezzani + Happy End al Megik Ozne

La settimana di musica dal vivo al Megik Ozne, in via della Torre a Pistoia, inizia mercoledì 29 novembre con la Super Megik Jam. Banda di casa formata da Carlo Romagnoli al basso, Davide Malito Lenti dietro le pelli e Emiliano Degl’Innocenti alla chitarra. I tre musicisti hanno una lunghissima esperienza alle spalle con artisti leggendari della scena internazionale soul/blues/rhythm and blues/funk tra i quali Ben E. King ( stand by me), Martha Reeves (dancing in the streets), Carey Bell (Muddy Waters band), Pinetop Perkins (Muddy Waters band), Eddie Floyd ( knock on wood), Percy Sledge (when a man loves a woman), Sonny Rhodes, Deitra Farr, Michael Coleman, RjMischo, Sax Gordon, Guitar Crusher e molti molti altri ancora.

Venerdì 1° dicembre sarà la volta di Stefano Dentone & Antonio Ghezzani.
“Sulle orme del grande rock… qualcosa di davvero unico e diverso nel panorama musicale” (Rockit.it)
“Un groove decisamente rock, pieno e coinvolgente…” (Buscadero)
“Sound asciutto di matrice roots-blues che si tinge di elettricità… esperimento dalle interessanti potenzialità” (RootsHighway.it)
Il progetto nasce nel 2014 e vuole essere autoprodotto a tutti gli effetti: canzoni con musiche e testi propri, chitarre di liuteria costruite da Antonio nel suo laboratorio, album registrati da Stefano nel suo studio, gestione diretta del booking e del management grazie alla costituzione della propria etichetta indipendente. Ed è così che nel Febbraio 2016 esce, attraverso il marchio dell’appena costituita Roots Rebels Records, il primo disco: Teatro Staller. Il 2017 comincia con l’uscita, sempre attraverso la Roots Rebels Records, del nuovo album intitolato I Pugilatori, che vede la partecipazione di Andrea Spinetti alla batteria e Stefano Corona al basso.

Infine, sabato 2 dicembre saliranno sul palco gli Happy End con Ferruccio Scorcelletti (Chitarra & voce), Roberto Pippa (Basso) e Enzo Panichi (Percussioni).

Print Friendly, PDF & Email
from to
Musica
Precedente Tempo reale festival Successivo Il rovo, al Deka Caffè

Lascia un commento