Gli oggetti del passato di Casa di Zela

136783_casa_di_zela_locandina_mostra_14_febbraioCinquemila oggetti, centinaia di scatti e una quindicina di foto. E’ questo il percorso che ha portato alla mostra Non posso restituire la realtà dei fatti, posso solo presentarne l’ombra che si inaugura domenica 14 febbraio, alle ore 17, a Lo Spazio di via dell’ospizio, a Pistoia.
La mostra nasce al Museo di Casa di Zela che ha chiesto a Valerio Degl’Innocenti di restituire al pubblico come il suo occhio ha visto quella raccolta di oggi in modi diversi abbandonati, ma tutti impregnati dell’umanità di chi li ha usati e, a volte, conservati per una vita. La risposta è ora nelle parole di Stendhal, usate per il titolo, e nelle foto in bianco e nero che verranno esposte. La stampa digitale delle foto è di Francesco Bastiani.
Valerio Degl’Innocenti è un fotografo appartato. La sua ultima uscita pubblica risale al 1980 quando espose sue foto nella mostra collettiva Desiderio visivo al palazzo del Tau a Pistoia.
I musei etnografici sono da tempo un campo privilegiato di confronto per la fotografia e il Museo di Casa di Zela spera così di inaugurare un nuovo fronte di osservazione e interpretazione della raccolta.
Tutti coloro che parteciperanno all’inaugurazione riceveranno un invito per un ingresso gratuito al museo che espone la raccolta di Ernesto Franchi.


………………………………………………………………………………………………………….
Per sostenere il blog, clicca sui banner pubblicitari
………………………………………………………………………………………………………….

Print Friendly, PDF & Email
from to
Arte
Precedente Biadene + Jesus On Valium Live! Successivo Archè(tipi)

Lascia un commento