Dilcheva e Ponzecchi al Damaris

Proseguono i concerti di Damaris/VenerdìMusica, al Seminario di Pistoia (via Puccini 36, ingresso anche da via Bindi 14). Il prossimo venerdì 24 marzo alle ore 21:15, sempre a ingresso libero, ci saranno due artisti d’eccezione. Il mezzosoprano bulgaro di fama internazionale Kremena Dilcheva, famosa per la bellezza della sua voce, presenterà un programma liederistico in Duo col pianista Paolo Ponzecchi, uno dei migliori talenti pianistici del nostro territorio. Molto piacevole ed eterogeneo il programma, che comprende pagine tardoromantiche, moderne ed un intero ciclo schumanniano.

PROGRAMMA

Alban BERG (1885-1935)
Schilflied
Die Nachtigall

Hugo WOLF (1860-1903)
Nimmersatte Liebe

Samuel BARBER (1910-1981)
Sure on this shining night
Nocturne

Richard STRAUSS (1864-1949)
Allerseelen
Morgen

Intervallo

Robert SCHUMANN (1810-1856)
Frauenliebe und Leben op. 42
1.     Seit ich ihn gesehen – Larghetto
2.  Er, der Herrlichste von allen – Innig, lebhaft
3.  Ich kann’s nicht fassen – Mit Leidenschaft
4.  Du Ring an meinem Finger – Innig
5.  Helft mir, ihr Schwestern – Ziemlich schnell
6.  Susser Freund, du blickest – Langsam, mit innigem Ausdruck
7.  An meinem Herzen – Frolich, Innig
8.  Nun hast du mir den ersten Schmerz getan – Adagio

Kremena Dilcheva, mezzosoprano, è nata a Stara Zagora in Bulgaria ed ha iniziato la sua formazione musicale presso la scuola di musica locale. Nel 1994 entra a far parte dell’Università di Musica di Sofia e in seguito completa i suoi studi con Daphne Evangelatos presso la Hochschule für Musik di Monaco di Baviera. Durante la stagione 1999/2000 fa parte dell’ Opera Studio al Teatro La Scala di Milano e nel 2002 entra a far parte dello “Young Ensemble” alla Bayerische Staatsoper. Da allora è apparsa in una serie d’importanti compagnie d’opera in Germania, Austria e Italia. Nel 2000 Kremena Dilcheva viene premiata come miglior esordiente dell’anno dalla rivista “Opernwelt”. Il suo repertorio comprende un gran numero di ruoli di primo piano, dall’opera classica al primo romanticismo, come Cherubino, Sesto, Rosina, Romeo e Olga in “Yevgenij Onegin”. E’ stata invitata più volte dal celebre direttore americano James Levine ad esibirsi con la Filarmonica di Monaco di Baviera, dove ha interpretato ruolo di Judit nel “Castello di Barbablù” di Bartók, ed ha partecipato all’annuale concerto all’aperto dell’orchestra sull’Odeonsplatz a Monaco di Baviera di fronte ad un pubblico di ottomila persone. Nel 2012 ha cantato per la prima volta in Cina nel ruolo di Lisinga nell’opera di Gluck “Le Cinesi”, presso il nuovo Gran Teatro Mei Lanfang di Pechino. Nell’aprile 2015 ha cantato con grande successo nella Nona Sinfonia di Beethoven presso la prestigiosa Philarmonie di Berlino. Già ospite della Camerata strumentale Città di Prato, nello scorso maggio è stata invitata come protagonista nell’opera Noye’s Fludde di Benjamin Britten.

Paolo Ponzecchi si diploma in pianoforte nel 1982 al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze nella classe di Roberto Caglieri e in seguito si perfeziona con Orazio Frugoni, Gyorgy Sandor e con Franco Scala a Imola. Frequenta i corsi di musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole nella classe di Maureen Jones e Dario De Rosa e dopo gli studi all’Università di Bologna (dipartimento Musica) completa un master biennale per Operatori musicali a Firenze con un lungo stage al Teatro alla Scala di Milano. La sua attività concertistica si è svolta in Italia e all’estero come solista e in formazioni cameristiche, in trio nella formazione con violino e corno, e in particolare con il contrabbassista Alberto Bocini e il pianista Giampaolo Nuti, a due pianoforti. All’inizio degli anni Novanta collabora in diverse produzioni con la compagnia teatrale T.P.O. come autore delle musiche di scena per il teatro ragazzi. Dal 1999 è direttore della Scuola di Musica comunale “G. Verdi” di Prato e nel 2003 è presidente dell’Associazione Italiana delle Scuole di Musica (AIdSM). Presente per tredici anni nel direttivo europeo delle scuole di musica associate all’EMU- European Musicschool Union, dal 2007 al 2015 ne è stato vice-presidente. Ha promosso e organizzato, come direttore artistico, Allegromosso, l’XI festival europeo delle scuole di musica che nel maggio 2012 si è tenuto per la prima volta in Italia con la partecipazione di oltre cinquemila studenti da ventiquattro paesi europei.

Per sostenere il blog, clicca sui banner pubblicitari o acquista un libro

Print Friendly, PDF & Email
Musica
Precedente Siamo tutti Cristi(cchi) Successivo Omaggio a Teodulo Mabellini

Lascia un commento