Da Collodi a Narnia

aaSi prepara per Pescia una mostra mai vista, che permetterà di ammirare insieme alcune fra le più raffinate opere di Roberto Innocenti e Pauline Baynes, illustratori di fama internazionale: dal Paese di Pinocchio al Regno del Leone Aslan, passando per la Terra di Mezzo e per le ambientazioni di molti altri famosi racconti per bambini. Lasciatevi dunque guidare da Pinocchio e dal Principe Caspian in questo magico itinerario: dal 12 al 27 marzo, le vie delle fiabe conducono tutte alla gipsoteca Libero Andreotti, in piazza del Palagio a Pescia!

Pauline Baynes ha avuto la possibilità di lavorare al fianco di J. R. R. Tolkien, autore de Il Signore degli Anelli, per il quale curò la realizzazione della mappa della Terra di Mezzo. Successivamente, fece la conoscenza di C. S. Lewis, realizzando alcune illustrazioni per Il Leone, la Strega e l’Armadio e Il Principe Caspian.  Si è spenta nell’agosto del 2008, mentre lavorava a una serie di raffigurazioni per Le Favole di Esopo: ancora oggi, è considerata una delle massime illustratrici del XX secolo. Pauline era solita disegnare alla scrivania, di fronte a una finestra che dava l’affaccio su quello stesso giardino che suo marito aveva realizzato appositamente per lei. Quando lavorava, era sempre accompagnata dalla musica di Händel e dai suoi amati cani.

Al vernissage della mostra, sabato 12 marzo, sarà presente l’illustratore Roberto Innocenti, alle cui illustrazioni di Pinocchio sarà dedicata buona parte del percorso espositivo. Fra i numerosi premi e riconoscimenti conferiti a livello internazionale a Innocenti si ricordano anche un Certified of Excellence conferito dal New York Times per il “Miglior libro illustrato” (2002) e ben due Premi Andersen al “Miglior Autore” (1992 e 2003).

…………………………………………………………………………………………………………………………………….
Per sostenere il blog, clicca sui banner pubblicitari o acquista un libro
…………………………………………………………………………………………………………………………………….

Print Friendly, PDF & Email
from to
eventi
Precedente Nella casa delle figure Successivo Tris di penne

Lascia un commento