Chi è Oioiii?

Sono apparsi da qualche tempo sui muri del centro di Pistoia dei disegni, colorati e pieni di vitalità, di un/a artista che si firma semplicemente “Oioiii”. La simpatia, oltre che da quei ritratti un po’ fanciulleschi, sprizza anche da questo pseudonimo che riprende un tipico intercalare pistoiese dalla semantica assai eterogenea (“che noia”, “che male”, “che palle”, “che bello”). I disegni vengono incollati principalmente sugli sportelli incassati della luce o del gas, sul retro di qualche cartello, raramente sul muro nudo. Ci piace immaginare l’artista di notte, incappucciato che, con fare guardingo e misterioso, cerca di sfuggire agli sguardi pettegoli e osceni delle onnipresenti telecamere per incollare con rapidi gesti le sue opere e poi via, di corsa verso nuove e mirabolanti avventure!

Il tratto dell’artista (che così, a naso, direi essere una ragazza di età compresa tra i 15 e i 25 anni) è molto riconoscibile: capelli vaporosi e variopinti sopra faccioni tondeggianti su cui spiccano grandi occhi da cerbiatta, pochi orpelli (una collanina, due orecchini, una mimosa), a volte elementi surreali (due ali, un’aureola). La tecnica: matita, pastello, forse tempera e acrilico. In poche parole, la ragazza c’ha il su’ stile (come direbbe Bozzone).

Purtroppo, siccome non tutti abbiamo lo stesso senso estetico e, soprattutto, la mamma degli imbecilli è sempre incinta, qualcuno ha ben pensato di strappare con rabbia alcune di queste opere che, ripetiamo, non andavano a lordare nessuna opera d’arte o muro di chissà quale pregio. Siamo Capitale della Cultura, ma a modo nostro… Ma, ne siamo sicuri, l’artista misteriosa non si abbatterà per questi atti di vandalismo e continuerà a sfornare i suoi ritratti gioiosi. In un’epoca di esasperato (e stupido) narcisismo dove, più importante del vivere, sembra essere fotografarsi mentre si vive, è oltremodo apprezzabile il fatto che qualcuno celi la sua identità dietro un nomignolo simpatico ma anonimo. Se comunque “Oioiii” volesse disvelarsi, ci contatti senza indugio, ci piacerebbe intervistarla, anche continuando a mantenere segreta la sua identità, se lo desidera.

↓ GALLERIA FOTOGRAFICA ↓

(foto di Sonia Luna©)

[box size=”large” style=”rounded” border=”full” icon=”http://findicons.com/files/icons/2750/free_web_icon_pack_1/64/help.png”]

Per sostenere il blog acquista un libro
clicca sui banner pubblicitari
o condividi l’articolo

[/box]

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Casa de Tabua Successivo Il Megik Ozne ha bisogno di te

Lascia un commento