Abèc’èDario

Domenica 10 dicembre alle ore 17, presso la libreria indipendente Lo Spazio di via dell’ospizio, verrà inaugurata la mostra Abèc’èDario di Filippo Giansanti. Si tratta di un abbecedario composto da 21 tavole in cui il primo sguardo è rapito dall’immediatezza dei disegni così come dal rigoroso bianco e nero. L’ordine dei 21 “animali” raffigurati (poiché anche Dario, l’umano, risulta essere parte del bestiario) segue l’elenco alfabetico e trova negli occhi il tratto comune e costante che rende tutti i soggetti raffigurati partecipi della medesima dignità. Le tavole seguono idealmente, in questo aspetto, gli esercizi di stile di Queneau, costruendo una serie giocata su costanti e varianti: gli occhi e l’ingombro delle figure costituiscono gli elementi che si ripetono immutati per tutte le tavole. Ma se il primo sguardo è catturato dalla semplicità, l’intero lavoro è aperto a molteplici livelli di lettura e fruizione. L’umano, Dario, è un mutaforma e le 21 tavole sono il suo dispiegarsi fuori dalla temporalità e dalla razionalità? Il confine tra umano e animale è un confine labile, così come il confine tra reale e fantastico (lo conferma la presenza dell’ uomo delle nevi). Tutti siamo partecipi della stessa identica sostanza, è solo la forma a trovare sempre nuove combinazioni possibili. L’identità è solo l’istantanea e fugace cattura di un attimo. Siamo un divenire e l’opera di Giansanti ci spinge a giocare con questo essere traiettorie con una moltitudine di direzioni possibili.

Print Friendly, PDF & Email
from to
Arte
Precedente Stagione sinfonica - Händel Successivo Gli spazi del colore di Mario Nigro

Lascia un commento